Articoli

Coverd – Reportage Como Casa Clima

Lariofiere. Soddisfazione per i primi due giorni “Arrivano anche tanti giovani: una garanzia sul futuro”

Progettisti e studenti, ma anche tanti visitatori interessati pronti a ristrutturare la propria casa all’insegna del risparmio energetico e del rispetto ambientale. I numeri arriveranno nelle prossime ore, ma intanto per i 112 espositori presenti a Lariofiere nella cornice di ComoCasaClima, la manifestazione powered by Klimahouse e organizzata in collaborazione con la Fiera di Bolzano, i primi due giorni di apertura sono stati un successo: tante richieste di informazioni, appuntamenti già in agenda e preventivi in corso d’opera.

“L’affluenza è buona e selezionata. L’aspetto energetico sta a cuore.”
Grande soddisfazione a Lariofiere per Massimo Murgioni e Diana Verderio, titolari dell’azienda Coverd di Verderio Superiore che da più di trent’anni si occupa di bioedilizia, “In due giorni – dicono – abbiamo raccolto più di cinquanta nominativi di persone interessate alla nostra attività e una decina di appuntamenti già fissati. Molto bene, l’affluenza è buona e selezionata: chi visita ComoCasaClima spesso conosce già i materiali e le loro proprietà”. La Coverd è nata nel 1984, quando la bioedilizia era ancora un settore di nicchia riservato agli appassionati.

In espansione
“Allora dovevamo spiegare a tutti di che cosa ci occupavamo – dice Murgioni – perché eravamo degli innovatori a livello nazionale; oggi siamo considerati una realtà storica in un comparto in espansione” ComoCasaClima, fa rima con affari e progetti, ma anche con educazione e questo è un aspetto che si fa notare con particolare soddisfazione.

 

Apri la pagina > La Provincia

La nuova sede Coverd conquista la Classe A

Isolamento termico in provincia di Lecco

Ha bruciato tutti sul traguardo. Uno dei pochi edifici lombardi in Classe A è la sede della Coverd di Lecco, specializzata nell’utilizzo di materiali naturali (soprattutto sughero) per l’isolamento termico e acustico. “Siamo stati tra i primi in regione – spiega il titolare, Angelo Verderio – La certificazione di basso consumo, con un fabbisogno di energia di 30kWh per mq all’anno è arrivata a coronamento di un progetto che non si poneva come obiettivo la targa energetica: i lavori sono iniziati nel 2005 e terminati nel 2006, prima che la normativa entrasse in vigore”. Un edificio che, come conferma Angelo Verderio “dimostra che l’obiettivo del risparmio energetico è conseguibile anche con interventi che riguardano l’involucro dell’edificio, con l’utilizzo di tecnologie bioedili di coibentazione termica e prodotti naturali di origine italiana”. Elementi che costituiscono il core business della Coverd “Fatturiamo 5 milioni di euro all’anno – spiega Verderio – in questi anni il giro d’affari sta crescendo del 15/20% all’anno. È presto per parlare di boom, ma c’è fermento”.

Estratto da > Il Sole 24 ORE